Cerca

Recupero miniera Trabonella. Amici della Miniera

Miniera Trabonella SpogliatoioL'Associazione Amici della Miniera da anni propone un progetto di recupero della miniera Trabonella di proprietà del Comune, l'unica in provincia di Caltanissetta ad avere allo stato attuale recuperabile anche parte del sotterraneo. Un progetto che va al di la della valorizzazione della sola miniera perché la stessa è collocata in un territorio ricco di storia, arte, cultura e servizi.

La miniera Trabonella si presta quindi meglio di altre per un recupero grazie anche alla ricchezza di ciò che la circonda e le sta vicino:
  1. autostrada CT - PA uscita Caltanissetta, possibile ingresso dallo scorrimento veloce CL - Gela a due chilometri;
  2. strada statale CL - EN, a cinque chilometri dal capoluogo, bivio "La Cancillera" struttura in grave pericolo di scomparsa che era la trattoria dove i minatori sostavano davanti ad un bicchiere di vino comprando il loro pasto quotidiano, pane, acciughe e tumazzo;
  3. Abbazia di Santo Spirito risalente al secolo dodicesimo ricca di affreschi e sculture distante poche centinaia di metri dalta "Cancillera", sita sulla strada che conduce alla valle delle miniere;
  4. il grande piazzale denominato "albero du carrubo", oggi concessionaria Fiat, dove i diecimila minatori di tutto il bacino minerario comprendente le miniere Trabonella, Gessolungo, Juncio Tumminelli, Testasecca, S.Ignazio, S.Gaetano, Mendolilla, Saponaro, Pizzuta, Stretto Giordano, S.Teresa etc. etc., si riunivano per discutere e decidere le forme di lotta da portare avanti al fine di migliorare le loro condizioni economiche, normative e di sicurezza nel lavoro;
  5. stabilimento "Amaro Averna" a cento metri dalla "Cancillera";
  6. la cappella di S.Micheluzzo in cima alla valle delle miniere, dove venivano portati i minatori deceduti per disgrazie in miniera a ricevere la bendeizione da Padre Buccoleri, in contrasto con la Curia, in quanto il loro accesso in chiesa era vietato;
  7. il vecchio Posto di soccorso e salvataggio I.N.F.A.I.L., oggi I.N.A.I.L. ancora esistente;
  8. le strutture delle miniere Gessolungo, Tumminelli e Saponaro, quest'ultima con il gigantesco forno "Masobello", primo esperimento in Sicilia di arricchimento del minerale, ancora esistente;
  9. il cimitero dei minatori dove 49 dei 69 rimasti vittime nella disgrazia del 12 novembre 1881 riposano e che è stato recuperato alla memoria nel 2001 dall'Associazione Amici della Miniera, con il contributo parziale del Comune di Caltanissetta;
  10. sulla collina di pietra tufacea arenaria di contrada "Sabucina" a due chilometri dalla Trabonella, è ubicata la grotta di "Calafato" ricca della sua leggenda;
  11. più avanti, proprio sopra la miniera, l'insediamento degli scavi archeologici di inestimabile valore storico nella montagna di Sabucina;
  12. nella valle del bacino minerario, l'immenso parco dell'Imera Meridionale ricco del suo contenuto;
  13. inoltre, il Villaggio Terrapelata, oggi Santa Barbara costruito nel 1937 dal Governo Fascista per i minatori, con le sue "maccalubbe" e le sue tradizioni.
Un mondo di storia, cultura, radici e arte, racchiuso in cinque chilometri quadrati.
Noi dell'Associazione, tutto questo lo vogliamo rivalutare e recuperare per il benessere delle giovani generazioni, per una economia più forte, per una nuova immagine della nostra città e dell'intera Sicilia.

Clicca qui per vedere dove è ubicata la miniera

 

Miniere di Caltanissetta

Scuole

L'associazione propone attività educative alle scuole al fine di far conoscere alle nuove generazioni il mondo delle miniere.

Presto online

Progetti

Un patrimonio da riscoprire e valorizzare. I progetti di recupero dell'associazione per ridare alla comunità pezzi di storia perduta.

Vai alla sezione...

Itinerari

Storia, natura, arte. Il periodo delle miniere ha lasciato al centro della Sicilia posti meravigliosi tutti da riscoprire.

Vai alla sezione...

Free business joomla templates