Cerca

Notizie

Ultime notizie dall'associazione

Commemorazione sciagura 12 novembre 1881

Giovedì, 12 Novembre 2015  si svolgerà alle ore 10:30  la Messa di commemorazione per ricordare i caduti nella sciagura avvenuta il 12 Novembre del 1881 nella miniera di Gessolungo, ove per uno scoppio di grisou persero la vita 69 minatori tra cui 19 ragazzini, in dialetto detti "i carusi ".
Bambini dai 7 ai 14 anni, 9 di questi rimasero senza un nome. A trecento metri dalla miniera 49 di loro furono sepolti in un piccolo cimitero recuperato successivamente dall'Associazione "Amici della Miniera" presieduta da Mario Zurli (recentemente scomparso).
La celebrazione della S. Messa si terrà a presso il "cimitero dei carusi " in contrada Juncio a Caltanissetta. La  cittadinanza è invitata a partecipare affinché nessuno dimentichi i minatori.
 

Riunione Amici della Miniera

L'Associazione "Amici della Miniera" invita tutti gli associati e tutti coloro che vorrebbero associarsi a partecipare alla riunione che di terrà il giorno 23 ottobre alle ore 17,30 presso i locali della Sede Parrocchia S.Barbara - Villaggio Santa Barbara - Corso Italia - Caltanissetta.

Sarà l'occasione per rincontrarci tutti e per parlare di nuove iniziative. A presto.

Amici della miniera Caltanissetta
 

Ciao presidente

Oggi si è spento il nostro amico e amato presidente, Mario Zurli. Non ci sono parole per descrivere compiutamente un uomo che, con la sua passione e la sua caparbietà, ha dato tanto a Caltanissetta sin dal suo arrivo qui, nell'ormai lontano 1952, quando dalla sua natia Passignano sul Trasimeno (Perugia) venne in Sicilia per lavorare presso le miniere, le "sue miniere", che da quell'anno in poi hanno scandito ogni singolo secondo della sua lunga e appassionante vita.

Un uomo d'altri tempi, ben voluto da tutti per la sua bontà e forza d'animo. Un uomo che ha ridato dignità a un pezzo di storia recente del nisseno troppo facilmente dimenticata dai nisseni stessi. Un uomo che trasudava una passione smisurata per le vicende umane e storiche che hanno caratterizzato per ben due secoli abbondanti le colline del centro della Sicilia.

E noi lo ricorderemo proprio per quelle emozioni uniche che riusciva a trasmettere, grazie alle sue parole, scritte e parlate, durante le sue lunghe ed appassionate chicchierate ai confini di qualche miniera, magari attorniato dai bambini delle scuole, o nei pressi del cimitero dei minatori, luogo simbolo la cui esistenza la dobbiamo proprio alla sua tenacia nel tener fronte agli impegni presi con il resto della comunità, mineraria e nissena in genere.

Mario Zurli lascia in eredità alla sua città adottiva un patrimonio culturale di dimensioni enormi. Un patrimonio che non deve essere più dimenticato o disperso, come avvenne nel passato, ma che deve essere valorizzato e deve rientrare a far parte del dna di tutti i nisseni che ancor oggi sono alla ricerca di una loro identità.
Lo dobbiamo a lui, e lo dobbiamo ai Minatori e ai suoi Carusi, così splendidamente descritti nei suoi racconti. Lo dobbiamo a noi stessi, anche per rendere onore ad uno dei più grandi uomini nisseni, seppur di adozione, di tutti i tempi.
Ciao Mario, piccolo grande uomo di miniera. Ora potrai finalmente abbracciare i tuoi Carusi, e con loro potrai giocare come fanno i nonni con i nipotini. E noi, per questo, non possiamo che esserne felici, cercando così di dimenticare per un attimo la perdita che con la tua dipartita oggi subiamo.
Ciao presidente, non ti dimenticheremo mai.

 

Commemorate le vittime della Miniera Trabonella

Gli otto minatori nisseni morti nelle viscere della Miniera Trabonella il 20 ottobre 1911 a causa (anche questa volta come nella strage della Miniera Gessolungo del 12 novembre 1881 quando a perdere la vita furono 49 zolfatari tra cui 19 "carusi") dello scoppio del grisou, saranno ricordati sabato 18 aprile mattina dai soci del Kiwanis di Caltanissetta che deporranno una targa e una lapide di marmo nel Cimitero dei minatori che sorge in contrada Stretto.

Ad affiancare il presidente del Kiwanis nisseno Italo Giugno sarà il Governatore del Distretto, dr. Elio Garozzo, in visita ufficiale a Caltanissetta.
Nella lapide verranno evidenziati i nomi degli otto lavoratori nisseni mai ricordati che morirono nel tragico incidente: Michele Mugavero (di Salvatore, 43 anni, picconiere), Michele Veneziano (fu Calogero, 53 anni, picconiere), Giuseppe Carlotta (di Giovanni, 30 anni, picconiere), Epifanio Giangreco (fu Alfonso, 41 anni, picconiere), "), Vincenzo Garofalo (di Michele, 32 anni, conduttore interno), Michele Cosentino (fu Vincenzo, 31 anni, picconiere), Giuseppe Cordaro (di Giuseppe, 14 anni, "carusu"), Calogero Veneziano (di Michele, 16 anni, "carusu").

Fonte La Sicilia

 

RaiStoria Crash - Storie di piccoli schiavi

Mercoledì 12 febbraio è andato in onda su RaiStoria il documentario "Storie di piccoli schiavi", che ha visto la collaborazione anche del presidente dell'associazione "Amici della Miniera" Mario Zurli.
Il documentario, nei suoi primi 17 minuti, descrive in maniera analitica le condizioni di vita dei bambini che lavoravano in miniera a Caltanissetta, descrizione coadiuvata dalle emozionanti interviste fatte ad ex minatori.
Per rivedere il documentario andate sulla pagina del canale di Rai Storia cliccando qui.
Di seguito la presentazione del documentario.
Leggi tutto...
 

Pagina 1 di 2

Scuole

L'associazione propone attività educative alle scuole al fine di far conoscere alle nuove generazioni il mondo delle miniere.

Presto online

Progetti

Un patrimonio da riscoprire e valorizzare. I progetti di recupero dell'associazione per ridare alla comunità pezzi di storia perduta.

Vai alla sezione...

Itinerari

Storia, natura, arte. Il periodo delle miniere ha lasciato al centro della Sicilia posti meravigliosi tutti da riscoprire.

Vai alla sezione...

Free business joomla templates