Cerca

Miniera Giffarò

La miniera Giffarò, o Giffarone, ricade in provincia di Caltanissetta, ma è in territorio di Delia, ed é ubicata a Nord della miniera di La Grasta (vedi la mappa), e vi si accede dalla SP n°127 che congiunge le due strade provinciali SP 1 e SP2 che portano rispettivamente a Delia e Sommatino. Si tratta di una delle rare miniere di zolfo che sono state coltivate a cielo aperto e per questo motivo è dotata di un indiscutibile fascino poiché col passare degli anni la natura ha reso la vecchia cava di zolfo uno dei posti più belli, dal punto di vista naturalistico e storico dell'entroterra siciliano.

Stato attuale dei luoghi

La miniera è stata sfruttata a giorno, con metodo di coltivazione a fossa, con scavo a gradino diritto, a carico del versante occidentale del Cozzo Giffarò. Oggi rimane una fossa centrale, che si é allagata, probabilmente per sorgenti sostenute dalle argille sottostanti alla mineralizzazione, con il risultato che oggi troviamo un pittoresco laghetto dalle forme naturalistiche, allungato in senso Nord Sud, costeggiato, dal lato opposto a quello di ingresso, da un versante in cui il tempo ha addolcito la gradonatura conferita alla parete dalle coltivazioni minerarie, e in cui è già oggi leggibile, a specchio, la successione stratigrafica del giacimento, sino ai gessi, facilmente riconoscibili, che costituiscono lo strato di tetto, e il suolo agrario di copertura.
I bordi del laghetto, lungo le sponde rimanenti, sono costituiti dalle discariche degli sterili di copertura, anch'essi recuperati ambientalmente dal rimodellamento conferito ad opera degli agenti esogeni, ma riconoscibili sia per i particolari cromatismi che per il tipo di colonizzazione vegetale che comincia a interessarle.

Profilo storico

Le prime notizie storiche sulla miniera risalgono al 1839. Originariamente era coltivata in sotterraneo, sino a quando, negli anni '50, la Valsalso, che all'epoca gestiva anche questa miniera oltre alla vicina Trabia, a cagione della modesta profondità del giacimento, e seguendo l'evoluzione tecnologica dei mezzi di movimento terra in quegli anni conseguita, scoperchiò il giacimento e intraprese, con vantaggio economico, la coltivazione a cielo aperto.
Il minerale della Giffarò, di un colore tipicamente scuro, venne avviato, per l'arricchimento, al bacino dell'Alta Valle dell'Imera.
 

Miniere di Caltanissetta

Scuole

L'associazione propone attività educative alle scuole al fine di far conoscere alle nuove generazioni il mondo delle miniere.

Presto online

Progetti

Un patrimonio da riscoprire e valorizzare. I progetti di recupero dell'associazione per ridare alla comunità pezzi di storia perduta.

Vai alla sezione...

Itinerari

Storia, natura, arte. Il periodo delle miniere ha lasciato al centro della Sicilia posti meravigliosi tutti da riscoprire.

Vai alla sezione...

Free business joomla templates