Tempi lunghi per la bonifica a Gessolungo

Altri nomi a breve potrebbero entrare nel dossier della Procura che indaga sull’inquinamento dell’ex miniera Gessolungo. Altri avvisi di garanzia, che vanno ad aggiungersi ai 9 notificati nei giorni scorsi dai vigili urbani del Nucleo di Polizia ambientale che, con gli investigatori della sezione sanità della Procura, hanno individuato coloro che scaricavano rifiuti nello stabilimento minerario abbandonato.

Incastrati dalle telecamere nascoste nei punti strategici della miniera, da gennaio di quest’anno la Polizia municipale ha monitorato l’andirivieni di numerose persone – tutti nisseni – che laggiù hanno abbandonato scarti di potatura, detriti, copertoni, recipienti d’eternit e molto altro ancora.

Ai 9 indagati, peraltro, il Gip Alessandra Giunta che ha ordinato il sequestro dei mezzi usati per lo scarico di rifiuti, in relazione all’aggravante disciplinata dal decreto legge col quale è stato dichiarato lo stato di emergenza per i rifiuti. E in Sicilia il decreto è in vigore dal 9 luglio 2010 e lo sarà fino al dicembre 2012.

Ma si preannunciano tempi lunghi per la bonifica del sito che è stato sequestrato. Nei prossimi giorni i tecnici dell’Arpa, Asp e della Provincia dovranno eseguire la classificazione dei rifiuti depositati e successivamente rimuoverli.

01 dicembre 2011, La Sicilia

 

Autore dell'articolo: amicidellaminiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.