Rifiuti gettati nell’ex miniera Gessolungo. Cinque a giudizio

Rinviati a giudizio i cinque nisseni filmati dalla Polizia municipale mentre abbandonavano rifiuti nell’ex miniera Gessolungo. Saranno processati in autunno i nisseni Calogero Palermo di 38 anni, Angelo e Giuseppe Savoia – padre e figlio di 58 e 25 anni – Salvatore Guagenti di 50 anni e il trentatreenne Lorenzo Cinquerughe, accusati di trasporto e smaltimento di rifiuti. Così ha deciso il Gup Lirio Conti durante l’udienza preliminare che si è svolta ieri e in cui il Comune di Caltanissetta – assistito dall’avv. Michele Micalizzi – è stato ammesso parte civile. Il dibattimento contro i cinque imputati (difesi dagli avvocati Dino Milazzo, Davide Schillaci e Maria Giambra) comincerà il 5 novembre davanti al giudice monocratico Marco Sabella. Altri quattro indagati nei mesi scorsi hanno già patteggiato la pena. Tutti e nove sono stati monitorati dai vigili urbani del Nucleo Ambientale che, tra giugno e novembre dell’anno scorso, hanno registrato – attraverso una telecamera nascosta – il loro ingresso con camion, furgoni e auto nello stabilimento minerario abbandonato da anni e trasformato in una discarica. Nel piazzale di Gessolungo gli imputati avrebbero scaricato illecitamente rifiuti d’ogni genere, compreso eternit, sfabbricidi, recipienti di plastica e anche scarti di potatura.

La Sicilia, VA. MA.

Autore dell'articolo: amicidellaminiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.